Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
nardò granata

Le strategie di Corallo

Le strategie di Corallo

Prima l’incontro con Ragno, poi le eventuali alternative (con Marra e Vadacca in pole). Questo è il pensiero del Nardò, come confermato ai taccuini de “Il Nuovo Quotidiano di Puglia, dal direttore sportivo granata, Andrea Corallo: “Vi posso assicurare che in questi giorni non abbiamo contattato assolutamente nessuno. Anche perché i tempi sono prematuri. Mi sono sentito con mister Ragno appena una settimana fa e, per correttezza nei confronti del nostro tecnico, mi sembra giusto che la prima telefonata sia rivolta a lui”.
La scelta dell’allenatore, poi, condizionerà le mosse circa il parco calciatori: “Questo è un discorso completamente differente. Per costruire il prossimo Nardò, bisognerà partire dalle intenzioni del tecnico. Dopodiché la nostra priorità sarà quella di contattare i migliori underdisponibili sul mercato. Nel prossimo campionato bisognerà schierare un classe ’98 e noi, purtroppo, ne abbiamo solo uno nella nostra rosa. Si tratta del giovane centrocampista centrale Podo, che è stato convocato anche nella rappresentativa serie D (girone H) per il torneo Juniores Cup. Chironi e Cassano, entrambi classe 1997 e di proprietà del Lecce, vorremmo che continuassero la loro avventura con noi. Per l’attaccante Montinaro (’96), invece, quest’anno gli scadrà il pre-contratto con il Lecce. Quindi dovremo ancora attendere le decisioni della sua società di appartenenza. Il resto degli under è di nostra proprietà”.
Tra chi viene e chi resta ci sono due nomi: Pasquale Iadaresta e Alessio Palmisano. “Non è dipeso mica da noi – ha rimarcato Corallo – il mancato arrivo dell’attaccante del Fondi. Lo scorso anno, probabilmente, essendo una matricola, molti calciatori erano diffidenti nei nostri confronti. In questa stagione, diciamo, che sarà molto più semplice avanzare delle trattative. Iadaresta? Deciderà lui. Palmisano? Dopo l’operazione il ragazzo ha già incominciato la fisioterapia e la palestra. I tempi sono lunghi e prima del mese di ottobresarà difficile rivederlo in campo. Se Alessio lo vorrà, noi lo riabbracceremo con grandissimo piacere”.
Infine su possibili nuovi ingressi in società: “Forse. Si parla di nuove realtà imprenditoriali– ha spiegato Corallo – che vorrebbero entrare a far parte di questo club”.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post